andros

Artikel veröffentlicht am 23. April 2014
Aus der Community
Artikel veröffentlicht am 23. April 2014

SOS: Dieser Artikel wurde weder von einem Editor überarbeitet noch in einer Gruppe veröffentlicht.

Nei paesi di mare, nelle isole, capita di trovare appesi pesci essiccati al sole e salati così conservati. Capita anche che i tetti facciano da canale di raccolta dell'acqua piovana che poi viene fatta scendere nei pozzi. Il Mediterraneo sa essere asciutto, così bisogna arrangiarsi. Il pesce però non mancava, una volta. Anche i delfini non mancavano. Le reti non sono mai mancate, ora bisogna andarle a gettare nell'altra sponda, invadere altre acque, lo sanno bene i pescherecci di Mazara, ma poi chissà che trovi, pesci o gommoni, chi ti cerca di cacciare per il pesce e chi cerca di arrivare a te per un passaggio. E' un paradosso, questa costa, quanto costa? Noi e loro, rubiamo il pesce e loro vengono per un lavoro, per un salario. Dove sia la ragione, in tutto questo, è difficile stabilirlo. Nelle isole stanno essiccati al sole, ma poi col caldo altro modo non c'è, neanche giare da conservazione. Buttarsi in mare è salutare, a meno che non fuggi dalla fame. In questo caso il sale non conserva, anzi il sale toglie acqua. Mi sono perso talvolta tra le onde, se troppo alte, nel senso che ti trascinano, e non sai più dove sei. Ma c'è una spiaggia, e la terra la vedi. Tocchi anche, una volta passata l'onda. In ogni caso galleggi. Il paesino è in alto, sotto c'è il porto, con le barche, la spiaggia, le turiste mezze nude e i cartelli che invitano al senso del pudore. I ragazzi guardano queste forme nordiche, che si mostrano, chi ha ragione? Lei, si sa, sa qual è la ragione.